SAN MASSIMO

La Riserva San Massimo, nel comune di Gropello Cairoli, estesa per più di 500 ettari, spicca nella monotonia del paesaggio circostante, dominato dalle coltivazioni agricole, e rappresenta una delle più interessanti aree naturali del panorama offerto dal Parco Regionale Lombardo della Valle del Ticino.

Gli spazi naturali sono intervallati da aree agricole, filari di piante da frutto, prati marcitori e pioppeti.

Tale alternanza ambientale si rivela molto importante per la fauna selvatica che qui trova le condizioni ideali per i propri cicli vitali.

Leggi tutto…

UN GRANDE E SUGGESTIVO ECOSISTEMA FORESTALE

La foresta igrofila costituisce un “unicum” su scala internazionale per le sue caratteristiche ecologiche, faunistiche, botaniche e forestali, per le dimensioni, 200 ettari senza soluzioni di continuità, per l’alta diversità strutturale, funzionale e biologica, per la sua posizione geografica.

Leggi tutto…

riso-riserva-san-massimo

Il Riso Carnaroli della Riserva San Massimo nasce in una zona fertile e pianeggiante a breve distanza dal terrazzo che domina la Valle del Ticino, a Gropello Cairoli, nella Lomellina in provincia di Pavia.

Il processo di produzione del Riso Carnaroli della Riserva San Massimo, dalla trebbiatura al confezionamento, avviene ancora in modo artigianale e tradizionale. Ciò permette al riso di mantenere integri il sapore, la fragranza e tutte le qualità organolettiche ottenute durante la crescita che avviene in un ambiente naturale e incontaminato dove la conformazione geografica ed ambientale non ha subito i mutamenti portati dall’agricoltura intensiva.

  • La natura e l’ecosistema hanno donato il territorio, la Riserva San Massimo  ha fatto il resto; l’ Autentico Riso Carnaroli della Riserva è tutto ciò che ci si dovrebbe aspettare da un Grande Riso.

    Simone Zambon
  • Il vostro riso è stata una rivelazione, ora so cosa è il vero riso… un riso che porta con se tutti gli umori e i profumi dell’oasi dove viene coltivato… Pura poesia!

    Christian Milone
  • In azienda ci sono persone veramente speciali, che hanno amore per il loro lavoro e per la terra che curano; tutto questo si riflette nella bontà del riso che riesce a convincere chiunque.

    Paola Sucato
  • La risaia appena allagata, di maggio, la mattina presto. Il sole che scalda le spighe.

    Il tepore di un piatto di riso coltivato e cucinato con Passione: questa è radice e origine, questo è il mio legame con San Massimo.

    Fabrizio Ferrari
  • Amore a primo assaggio per un prodotto autentico, un Riso Carnaroli di qualità che difficilmente abbandoni, grazie per la vostra passione!

    Francesco Apreda
  • Una delle tante anime di Milano è sicuramente il risotto, farlo con dei chicchi eccellenti è come dare la parola a quest’anima.

    Cesare Battisti
  • La perfezione è un arte elaborata, la possiamo ritrovare in cucina e sulle nostre tavole nei nostri risotti grazie al Carnaroli Autentico della Riserva San Massimo.

    Matteo Fossati
  • Il cibo che proponi è lo specchio della tua azienda, la Riserva San Massimo è un’oasi della biodiversità proiettata in un mondo moderno e dinamico.

    Dino Massignani
  • Ciò che Guido Antonello ha creato in Lombardia con l’ Azienda Agricola San Massimo è un esempio di vita creativa e verde e sottolineando che la natura umana fa parte dell’insieme del cosmo, dimostra capacità e responsabilità per un”modo di vivere in un mondo da vivere”. Come piace anche a me.

    Reinhold Messner