Risotto ai pomodori del Vesuvio, basilico e salsa allo stracchino del Parco del Ticino

Ingredienti per 4 persone

  • Riso Carnaroli Riserva San Massimo g. 280
  • Cipolla g. 35
  • Carote g. 35
  • Sedano g. 35
  • Sale fino g. 40
  • Burro di fattoria g. 125
  • Grana Padano grattugiato g. 100
  • Olio extra vergine d’oliva g. 50
  • Pomodori del Vesuvio g. 700
  • Scalogno g. 25
  • Stracchino di fattoria g. 100
  • Pepe nero in grani g. 2
  • Vino bianco secco g. 30
  • Alloro g. 3
  • Latte g. 50

Livello di difficoltà

Facile

Tempo di preparazione

30 minuti

Tempo di cottura

20 minuti

Preparazione

PROCEDIMENTO PER LA PREPARAZIONE DEL BRODO VEGETALE:

Tagliare le cipolle, le carote ed il sedano ed adagiarle all’interno di una pentola precedentemente riempita con acqua , aggiungere il pepe in grani e le foglie d’alloro e cuocere a fiamma bassissima per 20 minuti.

PROCEDIMENTO PER LA PREPARAZIONE DELLA SALSA RISTRETTISSIMA DI POMODORI DEL VESUVIO:

Tagliare a julienne lo scalogno e lasciarlo imbiondire a fiamma bassissima con olio extra vergine d’oliva. Aggiungere il pomodoro del Vesuvio e fare cuocere fino ad ottenere una salsa ristrettissima, salare. Al termine della cottura lavorare il sugo con il frullatore ad immersione fino al raggiungimento di una consistenza liscia e priva di grumi.

PROCEDIMENTO PER LA PREPARAZIONE DELLA SALSA ALLO STRACHINO DEL PARCO DEL TICINO:

Lavorare lo stracchino ed il latte a disposizione con una frusta all’interno di una bastardella in acciaio al fine dell’ottenimento di una salsa.

PROCEDIMENTO PER LA PREPARAZIONE DEL RISOTTO:

Tostare il Carnaroli in pentola e sfumare con il vino bianco secco, aggiungere il brodo continuando a girare con un cucchiaio. Proseguire la cottura a fiamma sostenuta, aggiustare di sale e pepe e a metà cottura procedere aggiungendo il sugo di pomodoro. Trascorsi 13 minuti a fiamma spenta procedere con la mantecatura aggiungendo il burro di fattoria ed il Grana Padano Grattugiato.

SERVIZIO:

Disporre il risotto al pomodoro al centro del piatto di portata, adagiare sulla superfice la salsa allo stracchino, completare con i germogli di basilico.

Scopri l’autentico riso della Riserva San Massimo

Frutto della ricchezza naturale della nostra biodiversità.

Nella Riserva San Massimo, un territorio agricolo circondato da una natura incontaminata e irrigato da purissima acqua sorgiva, coltiviamo un riso di altissima qualità: l’autentico Carnaroli, sia classico che integrale, il riso Vialone Nano e la varietà Rosa Marchetti. Il nostro riso è apprezzato dai più grandi chef perché è un prodotto genuino, con una storia antica, frutto di un grande amore e rispetto per la natura e per il territorio.

Risotto alla vecchia Milano, midollo in osso, gremolata e sugo d’arrosto
Risotto Aringa, Bietola e gocce di Caciotta
Ricetta-risotto-cacio-e-pepe,-animelle-glassate-e-coriandolo---Chef-Alessandro-Proietti-Refrigeri
Risotto al vino Merletto
Risotto-giallo-con-funghi-e-salsiccia-ristorante-Campo-delle-stelle-1
risotto-uva-ragu-animelle-1
Risotto tartufato mantecato con stracchino ed erba cipollina
Risotto di Carnaroli integrale punteggiato di rapa rossa
Risotto al nero di seppia con julienne di verdurine